La Filosofia


Siamo qui per raccontarti un’avventura, una di quelle avventure che è impossibile ignorare, una di quelle avventure che non si vede l’ora di ripetere!

In un mondo di chat, social network, palmari, smartphone, tastiere e computer, nell’ottobre del 2014 due riminesi appassionati di motociclette americane sognano di incontrare in carne e ossa i fratelli bikers con i quali si sono scambiati pareri, itinerari di viaggio, foto, e soprattutto passione per le loro Harley Davidson.

In un gruppo Facebook di oltre 11.000 appassionati viene lanciata la sfida: “Tutti a Rimini con le moto”.

L’entusiasmo è lampante sin da subito ed il club Mac Rimini, ottimamente rappresentato dal suo Presidente Sante Mazza, fa proprio il sogno. Per chi condivide la strada su due ruote, amicizia e fratellanza non sono barattabili con dei like sui social.

Nasce REUNION RIMINI un evento che sin da subito fa sognare e viene creduto dai più importanti customizzatori nazionali ed europei. L’organizzazione viene affidata all’efficiente squadra del Centro Congressi SGR, azienda con radici profonde nel territorio e che per prima appoggia e sponsorizza un evento legato ad una delle passioni qualificanti la “gente” romagnola: i motori!

La miscela è quella giusta; siamo nel cuore di “Marina Centro” con il Grand Hotel di Felliniana memoria come sfondo ed il mare nella sua veste primaverile a solleticare la voglia di fare festa; partecipano Harley Davidson, Indian, Asso Special Bike, Jepp Italia, WRC Custom, insieme a tanti altri, per un totale di oltre 70 espositori e 5.000 presenze nella prima edizione e di 100 espositori e 10.000 presenze nella seconda edizione.

Reunion Rimini, il primo Motoraduno di motociclette americane realizzato per la prima volta a maggio 2015 in questa effervescente parte di Riviera è il sogno diventato realtà. Una realtà della quale siamo davvero fieri ed orgogliosi perché rappresenta pienamente lo spirito di unione, amicizia ed allegria che caratterizza il mondo più sano dei bikers, con la libertà nell’anima.

Un successo “strepitoso” già dalla prima edizione, confermato dal plauso e benestare dell’azienda di soggiorno del comune di Rimini e dell’assessorato al turismo nonché dal successo di pubblico, un pubblico eterogeneo dove l’incontro tra bikers e residenti è avvenuto in un clima di curiosità, allegria, buon cibo e bella musica, una splendida condivisione che solo la Romagna può rendere naturale.

Rimini viene invasa non solo dalle moto, ma da gente che ha voglia di abbracciarsi, vedersi, salutarsi di persona. Un’atmosfera d’altri tempi che coinvolge anche i passanti e l’intera cittadinanza, a dimostrazione dell’amore e della passione per le moto proprie di questa terra.

Siamo nella prima metà del mese di maggio e Reunion Rimini diventa una promessa di rivedersi “stessa spiaggia stesso mare” ma in molti e molti di più; così confermano i dati delle prenotazioni alberghiere.

Si muovono le più importanti case motociclistiche del mondo: Harley Davidson –Indian – Moto Guzzi – Ducati tutte in demo ride e con i relativi Club per far diventare Reunion Rimini il punto di riferimento Europeo dei motoraduni.

Seguono le officine di elaborazione, gli artigiani del settore ed il top dell’abbigliamento.

E l’edizione 2016 ha aggiunto la ciliegina sulla torta: una fantastica parata in moto per il centro storico della città ed il bel lungomare.

Rimini non dorme! Tanto meno i suoi commercianti che partecipano a questa festa dei bikers, della gente, delle famiglie, allestendo stand gastronomici capaci di soddisfare ogni palato.

In un’amministrazione della città attenta e sensibile le occasioni vengono colte al volo, ecco perché sin da subito il Comune concede il Patrocinio alla Manifestazione.

Così è stato e così è!

Preparatevi a tante novità e godetevi la festa: vi aspettiamo dal 12 al 14 maggio in P.le Fellini, di nuovo insieme!

Reunion Rimini, uno spettacolo sotto le stelle; Reunion Rimini, perchè i sogni sono contagiosi!!!

“E ricorda, non importa che moto tu abbia, l’importante è che le due ruote tu le abbia in testa.”